Banner Comune di Salle

Home page >> La Storia
Storia di Salle

La storia di Salle

Email Stampa PDF

Arte tra leggenda e storia:

Tra le leggende e tradizioni popolari si favoleggia sul castello di Salle Vecchia, dove sarebbe nascosto il “tesoro del Barone”. La leggenda racconta che nel 451 d.c. l’Imperatore romano Valentiniano III per paura che Roma venisse saccheggiata di nuovo dai barbari e precisamente dagli Unni di Attila (nel 410 d.c. furono i goti di Alarico), dispose che il tesoro reale venisse trasferito vicino ai monti Ernici, ai piedi di una maestosa montagna nella zona che attualmente si trova tra il massiccio della maiella e il monte morrone. Il tesoro venne sotterrato su un piccolo colle allora chiamato palatus e ribattezzato Monte Paio. L’imperatore Valentiniano III fece in seguito giustiziare tutti quelli che sapevano dove fosse nascosto il tesoro, ma poco dopo nel 455 d.c., egli stesso morì improvvisamente portandosi per sempre il suo segreto nella tomba.

ARTIGIANATO:

Salle è famosa per la produzione di corde armoniche ottenute dalla lavorazione di budella animali. Non è possibile stabilire come e quando tale lavorazione sia cominciata. Ma certamente possiamo affermare che si tratta di un'attività artigianale molto antica. Grazie a questo mestiere insolito, per quattro secoli gli abitanti di Salle hanno prosperato e sono stati per molto tempo i detentori unici di questa specialità. Inizialmente i Sallesi, dediti alla pastorizia, operavano quasi esclusivamente sulle budella degli ovini per l'abbondanza della materia prima. Solo in un secondo momento vennero usate anche budella bovine. In passato la lavorazione artigianale delle corde armoniche era a conduzione familiare, fatta a mano nella "bottega" di famiglia dove, tutti i componenti del nucleo familiare, lavoravano le corde e ogni membro della famiglia si specializzava in una delle tante Fasi di lavorazione, quali la raschiatura, la spaccatura, la torcitura, la raffinatura e la levigatura. Quando, però, l'attività pastorale iniziò a decadere e quindi la materia prima cominciò a scarseggiare, molti cordai furono costretti ad emigrare in zone dove vi era più abbondanza di animali e una maggiore possibilità di sviluppo della loro attività. Sorsero quindi botteghe a Napoli, a Civitavecchia e a Genova: posti in cui era più facile rifornirsi di materia prima. Questa emigrazione s'incrementò ulteriormente nei primi decenni del 1900 quando la crisi del settore divenne più profonda: molti "cordari" sallesi si spostarono a Roma, a Firenze e persino in Francia. Nel periodo fra le due Guerre Mondiali, le industrie cordaie si convertirono a lavorazioni più redditizie. Al prodotto originario delle corde armoniche, aggiunsero altri prodotti come le corde da tennis e soprattutto il "catgut", i fili di suture ad uso chirurgico. Un periodo florido per la lavorazione del catgut fu durante la II Guerra Mondiale quando i Tedeschi, nel periodo dell'occupazione di Salle (novembre 1943/giugno 1944), imposero l'aumento della produzione del catgut. Negli anni '50/'60, per assecondare le richieste di un crescente mercato musicale, molte industrie cordaie Sallesi tornarono alla produzione di corde musicali, impiegando, oltre al budello animale, anche altri materiali come l'acciaio e il nylon. Inoltre, l'uso e la diffusione dei macchinari industriali incrementò notevolmente la produzione delle corde armoniche. Fonte di crescita economica e culturale per Salle, la tradizione delle corde armoniche, abbandonata per decenni, oggi è tornata a vivere grazie soprattutto a coraggiosi eredi dell'antica arte, che con la loro maestria fanno conoscere il nome di Salle in tutto il mondo. Le due famiglie che si dedicano ancora appassionatamente alla lavorazione delle budella sono: la Famiglia Toro e la Famiglia D’Orazio, la prima specializzata nella produzione di corde per strumenti di musica antica e barocca; la seconda specializzata nella produzione di corde per strumenti acustici, elettrici e classici. Tra i maestri che sono riusciti ad affermarsi in campo internazionale nella produzione delle corde armoniche ricordiamo Roberto D’Addario, il più grande produttore di corde musicali negli Stati Uniti d’America.

Eurostylgut s.n.c. dei F.lli Toro C.da Conicella, sn

D’Orazio Corde Armoniche s.r.l Via dell’Impero, 1

 

Calendario Eventi

Marzo 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Area Riservata

OggiOggi187
IeriIeri229
Settimana correnteSettimana corrente810
Mese correnteMese corrente5037
Dall'inizioDall'inizio244121

 

SUAP pescarese

Regione AbruzzoProvincia di PescaraPescarainnovaPatto dei SindaciParco della Maiella